Il teletrasporto di Shahram Izadi: uno Skype avanzato

Il teletrasporto ha sempre affascinato, e nel contempo inquietato, tutti gli spettatori di film fantascientifici e non solo.
Un’idea, questa, che risulta ancora tutt’oggi impossibile da applicarla, ma a quanto pare non sembra proprio così. Microsoft, infatti, sta lavorando ad un dispositivo denominato “Holoportation” che, stando a quanto riportato dal sito Techinsider , è possibile poter parlare e interagire con chi è dall’altra parte del mondo con una presenza pseudo-reale

Ma come funziona il teletrasporto?

Microsoft mette a disposizione diverse telecamere 3d da posizionare nella stanza. Queste non fanno altro che catturare la persona da diverse angolazioni grazie all’utilizzo degli occhiali olografici “futuristici” HoloLens, in modo da avere una visualizzazione in tempo reale della persona contattata. Insomma una sorta di Skype iper avanzato.

teletrasporto - Microsoft Holoport
Occhiali Microsoft HoloLens

Di seguito è possibile vedere un video dimostrativo realizzato da Shahram Izadi, il direttore della ricerca sul prodotto, che prova ad interagire “virtualmente” con una persona e subito dopo con sua figlia che si trova in una stanza differente.

teletrasporto holoportation

Quindi “holoportation” accorcerà veramente le distanze, soprattutto per coloro che per diversi motivi vivono lontano dai propri cari? Staremo a vedere

VIDEO

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/tIl7UMUxKJo” align=”center” mode=”normal”]

Menu